• Readers Rating
  • Rated 5 stars
    5 / 5 (1 )
  • Your Rating


Analisi Swot

In questo articolo troverete tutto quello che vi serve sapere sull’analisi SWOT:

  • cos’è;
  • come farla;
  • modello excel scaricabile;
  • analisi SWOT template;
  • esempio dell’analisi di un caso aziendale.

 

Cos’è l’analisi SWOT? Definizione e chi l’ha creata 

l’analisi SWOT o matrice è uno strumento utile a una startup, organizzazione, impresa, società o semplicemente anche a un individuo singolo, per pianificare una strategia ed effettuare delle scelte basandosi sui quattro punti fondamentali:

  1. Strengths (forza);
  2. Weaknesses (debolezza);
  3. Opportunities (opportunità);
  4. Threats (minacce).

 

L’analisi SWOT è stata creata da Albert Humphrey, un’economista statunitense, in un progetto di ricerca all’universita di Standford negli anni ’60.

 

Scarica qui un modello excel dell’analisi SWOT per fare un elenco di controllo di un business plan (clicca qui).

Un esempio online formato video (Tesla) si trova a questo link (clicca qui).

 

analisi swot cos'è

Free to use image from Canva

 

Perché usare l’analisi SWOT e chi può?

L’analisi SWOT si utilizza per prendere delle decisioni strategiche! Per decisione strategica si intende una scelta che viene presa per durare nel tempo, che definisce degli aspetti indispensabili da adottare, e che ha uno scopo ben preciso da realizzare.

La matrice può essere usata da chiunque e in una qualunque situazione dove è richiesto di:

  1. prendere decisioni;
  2. definire una strategia.

 

Startup, organizzazioni, enti, persone singole, ecc… sono solo alcuni tipi di utilizzo di questo strumento.

 

Quali sono alcuni esempi di utilizzo? 

Ipotesi di uso dell’analisi SWOT sono:

 

1 – Esempio individuo.

Un’adolescente che ha terminato la maturità e deve scegliere cosa studiare all’università rappresenta una possibilità di utilizzazione della matrice. Qual è il percorso giusto da intraprendere? Può certamente servirsi di questo strumento poiché deve decidere ed elaborare un piano per il proprio futuro.

 

2 – Esempio startup e impresa

Un’altra tipologia di impiego è quello di una startup, o di un’impresa in generale, che vende i suoi articoli in un negozio fisico e vuole valutare se espandere il suo commercio anche on-line. Iniziare a vendere i prodotti sul web è la scelta giusta? Può sicuramente avvalersi di questo mezzo decisionale per stabilirlo.

 

Scopri il programma da zero a start up

 

Come è fatto il template dell’ analisi SWOT?

Il template dell’analisi SWOT è una matrice 2×2 che può essere suddivisa in:

  1. fattori interni;
  2. fattori esterni;
  3. fattori positivi;
  4. fattori negativi.

 

matrice swot template

Free to use image from Google Images

 

Scarica qui l’analisi SWOT template in pdf (clicca qui).

 

Fattori interni (prima riga)

I fattori interni dell’analisi SWOT sono:

  1. strengths (punti di forza);
  2. weaknesses (punti deboli).

 

I fattori interni sono tutti quegli elementi interni della persona singola o organizzazione sui quali si ha il controllo.

 

Fattoti esterni (seconda riga)

I fattori esterni della matrice sono:

  1. opportunities (opportunità);
  2. threats (minacce).

 

Questi termini sono tutti quegli aspetti sui quali non si ha il controllo. Sono componenti importanti da tenere in considerazione ma sui quali non si può intervenire direttamente.

 

Fattori positivi (prima colonna)

I fattori positivi della SWOT analysis sono:

  1. strengths (forza);
  2. opportunities (opportunità).

 

I fattori positivi sono tutti quelli che hanno un’influsso vantaggioso e possono essere sfruttati a nostro vantaggio.

 

Fattori negativi (seconda colonna)

I fattori negativi della matrice sono:

  1. weaknesses (debolezza);
  2. threats (minacce).

 

Questi termini sono tutti quelli che hanno un’influenza svantaggiosa e vanno migliorati o sorvegliati onde evitare fallimenti ed errori.

 

Analisi SWOT come farla in pochi step

Vediamo adesso come fare l’analisi SWOT per la tua startup, società o ente. In genere la matrice SWOT si fa in gruppo. Un team SWOT può prevedere diverse figure professionali come un avvocato, un ragioniere, un contabile, ecc… al fine di analizzare al meglio i diversi aspetti organizzativi.

 

analisi swot come farla

Free to use image from Unsplash

 

Le fasi per fare un’analisi SWOT della tua start up sono:

  1. si stabilisce l’obiettivo finale;
  2. si definiscono le forze della matrice;
  3. si stabiliscono le debolezze;
  4. si intuiscono le opportunità;
  5. si vedono tutte le minacce possibili;
  6. si decidono quali sono le azioni utili a raggiungere l’obiettivo.

 

A questo punto possono verificarsi due condizioni:

 

1 – L’obiettivo non si ritiene raggiungibile.

Qualora l’obiettivo non si ritiene raggiungibile, attraverso la matrice di SWOT creata, si deve cambiare e ripetere il ciclo.

 

2 – L’obiettivo è ritenuto raggiungibile.

Se l’obiettivo è ritenuto raggiungibile si passa a ideare le strategie possibili da perseguire mediante la matrice fatta. Chiedendosi: come beneficiare al meglio dei punti di forza? Come rendere migliori i punti deboli? In che modo si possono sfruttare i benefici e le opportunità? Come ci si può difendere dalle minacce?

 

Se sei uno startupper e cerchi informazioni su come fare l’analisi SWOT per la tua start up affidati a persone competenti, alle attività di mentoring e servizi per start up.

 

Scopri i nostri Servizi per Startup

 

Obiettivo

La prima fase dell’analisi è stabilire l’obiettivo dell’analisi SWOT. Per quale motivo l’organismo, l’azienda o la persona sta creando la matrice? Il piano deve essere ben chiaro e definito. Senza di esso, fare l’analisi ha poco senso, e sarebbe come muoversi alla cieca.

 

Fattori endogeni: punti forti e punti deboli

La seconda fase dell’analisi è la definizione dei fattori endogeni della matrice di SWOT. Questi componenti possono essere controllati e dipendono esclusivamente da te e dalla tua organizzazione.

I punti forti dell’analisi sono quelli su cui puntare. Le qualità intrinseche che possono fare la differenza, distinguerti dai competitors, dare quel quid in più alla tua startup.

I punti deboli dell’analisi sono quelli sui quali bisogna lavorare di più. Su quali aspetti occorrono miglioramenti? Quali caratteristiche siamo indietro rispetto ai competitor? Bisogna fare molta attenzione a questi e devono essere migliorati col tempo.

 

matrice swot

Free to use image from Canva

 

Esempi di punti forti e deboli dell’analisi SWOT sono:

  • tecnologie e mezzi avanzati (forza);
  • scarsa solidità economica (debolezza);
  • posizione geografica favorevole (punto forte);
  • una community affiatata (punto di forza);
  • un team di lavoro vario e competente (vantaggio);
  • essere in possesso di elementi unici che ci distinguono dai competitors (punto forte).

 

Opportunità e minacce

La terza fase dell’analisi è determinare i fattori esogeni dell’analisi SWOT. Queste componenti non possono essere padroneggiate e dipendono da condizioni esterne e incontrollabili.

Le opportunità dell’analisi sono quegli elementi esterni e non controllabili che possono essere sfruttati a vantaggio dell’associazione, azienda o persona.

Le minacce dell’analisi sono quei componenti esterni e ingovernabili di rischio. Non si possono controllare ma si può provare solamente a limitare il loro impatto negativo.

Esempi di opportunità e minacce della matrice SWOT sono:

  1. entrate extra dovute a un evento esterno imprevisto;
  2. domanda sul mercato in crescita per un determinato prodotto;
  3. la politica;
  4. l’economia;
  5. questioni sociali;
  6. sviluppo tecnologico;
  7. il mercato in generale.

 

Azioni e conclusioni

L’ultima fase dell’analisi è riflettere sulle azioni e conclusioni da trarre dalla matrice realizzata. Se si ritiene che l’obiettivo stabilito sia ottenibile dalla start up, organizzazione o persona, allora, si passerà a indicare le strategie della analisi SWOT. Viceversa, nel caso in cui l’obiettivo non è ritenuto raggiungibile dall’analisi, occorrerà cambiarlo e ripetere tutte le fasi della matrice.

 

It’s campus offre servizi di mentoring utili ad assisterti nella definizione delle prime fasi di una start up in modo ottimale.

 

Scopri il Servizio Mentoring

 

Esempio dell’analisi SWOT con strategie

Facciamo un’esempio di analisi SWOT relativo a un possibile caso aziendale.

 

Immaginiamoci che il ristorante “A” ha un unica sede a Milano e decide di fare un’analisi interna ed esterna utilizzando lo strumento della matrice. Il giorno “x” è fissata la riunione per iniziare. In tale giorno, si riuniscono le figure rilevanti dell’azienda e si da inizio al processo.

 

Si decide di procedere e, attraverso un’attività di brainstorming, vengono fissati tutti i punti della matrice di SWOT: forti, deboli, opportunità e minacce.

Dall’attività svolta ne deriva la seguente bozza di matrice.

 

esempio matrice swot

 

Strategia opportunità/punti di forza

La strategia dei punti forti/opportunità dell’analisi SWOT consiste nell’approfittare di ciò in cui siamo già bravi e migliorarlo ulteriormente grazie alle opportunità.

Nell’esempio di matrice SWOT in figura è chiaro che il ristorante deve continuare a curare la sua reputazione locale con i clienti e offrire i prodotti stagionali per i quali c’è interesse crescente nella comunità. Inoltre potrebbe ampliare il suo business offrendo anche un servizio takeaway e sfruttare un’opportunità non ancora colta.

 

Strategia di azione sulle debolezze

La strategia di azione sulle debolezze dell’analisi SWOT prevede di soffermarsi su tutti i punti deboli, esaminarli ed escogitare dei metodi per migliorali. Lavorare sui punti deboli non è semplice. Le azioni sulle debolezze possibili sono due:

  1. lavorare per migliorarsi;
  2. utilizzare la debolezza come elemento per distinguersi.

 

Nell’esempio di SWOT analysis in figura, Il ristorante potrebbe fare della debolezza un fattore caratteristico. Offrire una caratteristica unica e affermarsi tra una nicchia di clientela specifica. La debolezza del poco budget a disposizione per la pubblicità potrebbe così essere superata dal passaparola della clientela più fedele. 

 

Strategia di difesa dai rischi

La strategia di difesa dai rischi consiste nel prevedere con precisione quali sono i rischi di mercato, politici, tecnologici, ecc… allo scopo di prevenirne le conseguenze possibili.

Nell’esempio aziendale dell’analisi SWOT, il ristorante potrebbe prevenire il rischio della competizione crescente puntando su una tattica di differenziazione dalla concorrenza.

 

Conclusione

Spero che questo articolo ti abbia dato tutte le informazioni che cercavi sull’Analisi SWOT. Per qualsiasi dubbio o domanda, o se vuoi che realizziamo un articolo su uno specifico argomento non esitare a contattarci!

 

Contatti

 

articolo by Igor Esposito

Startup

Mentors

Settimane

Demo Day

Get In Touch

 

Dove siamo: in Brianza (provincia di Monza) e a Londra. Ma facciamo tutto online.

Date: dal 21 Settembre 2020 al 30 Ottobre 2020

Telefono: +44 (0) 7483 132148

Email: info@its-campus.com

Orari: L-V | 9:00 - 18:00

 

200