• Readers Rating
  • Rated 5 stars
    5 / 5 (1 )
  • Your Rating


Piano editoriale: cos’è, come farlo e perché è importante

Al giorno d’oggi è assolutamente necessario che aziende e startup siano presenti online, con un sito web, blog e social network. Con un piano editoriale efficace è possibile organizzare e programmare la pubblicazione dei contenuti al fine di raggiungere un determinato obiettivo entro una data prestabilita, servendosi dei canali più adatti al pubblico da raggiungere e al messaggio da veicolare.

Sai perché è così importante? Perché non basta esserci, bisogna farsi notare! Quindi non basta fare content marketing, devi anche saper diffondere i contenuti con una strategia ben precisa.

 

Partecipa al nostro acceleratore startup!

 

Vuoi saperne di più? In questo articolo vedremo cos’è un piano editoriale, come crearlo e quali sono i vantaggi per il tuo business.

 

Cos’è un piano editoriale: definizione e significato

Il Piano Editoriale è un insieme di strategie finalizzate al raggiungimento di un target e di uno o più obiettivi, misurabili nel tempo. È uno strumento di pianificazione e di controllo del tuo business per quanto riguarda la pubblicazione di contenuti sui tuoi canali social, sul tuo sito internet o blog.

Se vuoi acquisire visibilità, creare lead, vendere e monetizzare, niente va lasciato al caso. Le pubblicazioni dei post che vedi sulle pagine aziendali non sono create il giorno stesso e non sono casuali, il piano editoriale strategico ti aiuta a stabilire cosa pubblicare, perché, con quale tone of voice, per quale target e in quali piattaforme.

 

cos'è un piano editoriale

Free image from Pixabay

 

Calendario editoriale per social network e blog aziendali

Una volta creato il tuo piano editoriale, ti occuperai di stilare il calendario editoriale, cioè un documento (cartaceo o digitale) con il quale programmare le date di pubblicazione dei tuoi post su ciascun canale, nonché l’invio di newsletter.

Che tu decida di pubblicare settimanalmente o mensilmente, è importante mantenere la stessa cadenza, devi mantenere il giusto ritmo per abituare la tua audience.

Si tratta di uno strumento di marketing molto importante in quanto ti permette di non ripeterti: crei il calendario in anticipo e avrai sott’occhio tutto ciò che pubblicherai, tenendo anche conto delle date da ricordare, cosa che puoi fare grazie a strumenti come Plan the Moment, un calendario che riporta tutte le date importanti dedicate a specifici eventi.

 

Piano editoriale Social

Un piano editoriale social è diverso da un piano editoriale per un blog aziendale, o sito web, perché i Social Network hanno stili diversi e pubblico differente. Per ogni tipo di canale è necessario creare il giusto contenuto e utilizzare il corretto linguaggio.

La differenza principale è che sui Social Network esiste l’interazione con l’utente, quindi deve esserci un lavoro costante di monitoraggio dei post, per poter rispondere alle domande e ai dubbi della tua target audience.

Un’altra differenza è che la lunghezza del testo varia da canale a canale, per esempio sappiamo tutti che su Twitter c’è il limite di 280 caratteri, quindi nella preparazione di un piano editoriale per i social network dovrai tenere in considerazione:

  • lunghezza del messaggio
  • tipo di linguaggio
  • tipo di contenuto (testo o visuale)
  • creatività
  • CTA (call to action)

 

piano editoriale social

Free image from Pixabay

 

Piano editoriale per blog

I post che pubblichi sui social sono uno strumento utile per poter redigere il piano editoriale per il tuo blog, perché in base ai feedback che riceverai dagli utenti sui social, potrai decidere che tipo di post pubblicare sul blog.

Seguendo infatti i commenti ai tuoi post social, puoi capire come si pone verbalmente il tuo utente/cliente, se usa un linguaggio formale o confidenziale, quali sono i suoi dubbi o le sue perplessità sul tuo prodotto o servizio, cosa lamenta e cosa invece apprezza. Tutto ciò è un’arma importante nelle tue mani e ti consente di creare contenuti ad hoc per il tuo blog.

Ma è vero anche il contrario: puoi alimentare il tuo blog con degli articoli rilevanti per il tuo pubblico e poi diffonderli tramite le pagine social aziendali.

Ovviamente lo scopo finale è sempre quello di creare lead e aumentare le vendite, ma contemporaneamente, tramite il blog, puoi aumentare la brand awareness parlando dell’azienda, dei successi e dei traguardi, fidelizzando i tuoi clienti.

 

Come creare un piano editoriale efficace in 7 step

Passiamo dalla teoria alla pratica e vediamo come creare un piano editoriale in pochi semplici passaggi:

  • Stabilisci la mission relativa al prodotto/servizio: la tua Brand Identity deve essere chiara fin da subito;
  • Definisci con precisione le caratteristiche del prodotto/servizio offerto e gli obiettivi di business, in modo da poter monitorare facilmente i risultati in corso;
  • Qual è il target di riferimento? Analizza gusti e comportamenti degli utenti e definisci le tue buyer personas, sia per decidere su quali social pubblicare, sia per sapere quale tone of voice utilizzare;
  • Analizza con attenzione i punti di forza e i punti di debolezza della tua startup: in breve, fai un’analisi SWOT;
  • Analizza i competitors per poterti distinguere e far emergere il tuo brand nel mercato: un buon benchmarking non può mancare;
  • In base ai punti precedenti, decidi ora su quali social pubblicare. Abbiamo già detto che non sono tutti uguali, sia per stile sia per utenza;
  • Scegli 5 keywords che rappresentano il tuo business e che saranno il tema principale dei tuoi contenuti.

 

Scopri i nostri servizi per startup

 

Le giuste keywords: come e dove trovarle

Come abbiamo visto, l’ultimo step nella creazione del piano editoriale riguarda la scelta delle parole chiave. Questo è un passaggio sensibile e per questo motivo merita un approfondimento, quindi vediamo insieme come procedere.

Stabilite le keywords, puoi cercare le parole chiave corrispondenti tramite Semrush e utilizzarle nei tuoi post, ma puoi anche cercare dove sono state utilizzate, e quante volte, tramite Google Trends. Infine, per poter leggere le conversazioni in rete relative alle keywords che vuoi utilizzare, puoi cercarle su Tagboard.

 

Strumenti utili per organizzare un piano editoriale

Secondo il Content Marketing Institute circa il 60% di chi si occupa di social media e content marketing ha ritenuto “altamente efficace” l’utilizzo del piano editoriale e abbiamo visto in questo articolo come un planning efficace rappresenti un utilissimo strumento per impostare le strategie di marketing.

Per creare una mappa editoriale devi innanzitutto stabilire la frequenza di pubblicazione, decidere le date e segnare al loro interno il titolo del post che intendi pubblicare per ogni data. A questo punto aggiungi tag e categoria per il blog e hashtag per i social, e ricorda di utilizzare strumenti come Plan the Moment.

Vediamo adesso i tool online per organizzare il tuo piano editoriale.

 

strumenti per planning editoriale

Free image from Pixabay

 

Trello

Trello (lo trovi a questo link) è un tool eccezionale per poter collaborare con i tuoi colleghi e ha come valore aggiunto la possibilità di essere utilizzato da PC, da tablet e da smartphone.

Come funziona? Crei una bacheca che chiamerai piano editoriale e successivamente una serie di liste che chiamerai come vuoi, come ti è più comodo, potresti per esempio creare una lista in cui inserisci l’idea del post che hai in mente, una lista con i post creati, una con i post pubblicati e così via. Volendo puoi aggiungere Trello al tuo Google Calendar per un’organizzazione perfetta e condivisibile con i tuoi collaboratori.

 

Google Calendar

Chi non conosce Google Calendar? Oltre ad essere molto efficace, è di una semplicità unica. Lo puoi utilizzare per decidere in quale data pubblicare un determinato post e per ricordare le ricorrenze importanti. Anche in questo caso lo puoi condividere con i tuoi colleghi, per poter lavorare in sinergia senza la necessità di inviare mail o comunicare a voce quello che hai deciso di fare.

 

Piano editoriale: perché è importante per aziende e startup

Se pensi che sia possibile mandare online dei contenuti senza strategia ed ottenere comunque dei risultati, sei sulla strada sbagliata. I vantaggi del piano editoriale sono noti a tutte le aziende di successo, non è pensabile non utilizzarlo in una strategia di marketing a lungo termine.

Fare content marketing e social media marketing per startup presuppone senza dubbio la necessità di agire con creatività e originalità, conoscere lo storytelling, conoscere il mercato, i competitors e le nostre buyer personas, ma tutto ciò richiede organizzazione e precisione.

 

perché è importante programmare i contenuti

Free image from Pexels

 

Dicevamo all’inizio dell’articolo che la pubblicazione di un contenuto non è casuale, ed è proprio per questo che un piano editoriale è fondamentale per il tuo business, perché permette di lavorare con metodo, di non essere in ritardo con le pubblicazioni e di non cadere in banali ma gravi errori di valutazione. Parliamo inoltre di un planning flessibile e dinamico, che può quindi essere modificato in qualsiasi momento e per qualunque esigenza. Si gioca di anticipo e si pianifica ogni mossa, in modo da ottenere i risultati desiderati e raggiungere gli obiettivi prefissati.

 

Partecipa al nostro acceleratore startup!

 

Conclusione

Abbiamo visto cos’è il piano editoriale, come farlo e perché è importante per un’azienda. Seguendo i semplici passaggi descritti in questo articolo potrai organizzare e programmare la pubblicazione dei tuoi contenuti strategici e raggiungere i tuoi obiettivi di business aumentando la visibilità online della tua startup.

 

articolo by Luca Lampis

Startup

Mentors

Settimane

Demo Day

Get In Touch

 

Dove siamo: in Brianza (provincia di Monza) e a Londra. Ma facciamo tutto online.

Date: dal 21 Settembre 2020 al 30 Ottobre 2020

Telefono: +44 (0) 7483 132148

Email: info@its-campus.com

Orari: L-V | 9:00 - 18:00

 

200