• Readers Rating
  • Rated 5 stars
    5 / 5 (1 )
  • Your Rating


Influencer Marketing: cos’è, come funziona e quali sono i vantaggi per aziende e startup

Tra tutte le attività da intraprendere per far crescere un business, l’Influencer Marketing rientra al giorno d’oggi tra le strategie più utilizzate e maggiormente in crescita. Mettendo in pratica i giusti passaggi, è possibile lanciare campagne pubblicitarie mirate verso un’audience specifica e facilmente tracciabili. In questo articolo vedremo cos’è l’Influencer Marketing, le best practice per una strategia vincente e perché è importante per influenzare i potenziali clienti della tua startup.

 

Cosa si intende per Influencer Marketing: definizione e significato

Volendo dare una definizione di Influencer Marketing, o Marketing di influenza, possiamo dire che si tratta della tipologia di marketing che si basa sulla capacità di “influenzare” la percezione di un brand e gli intenti d’acquisto di una specifica audience. Questo avviene ad opera di alcuni soggetti definiti digital o social media influencer che, più in generale, sono conosciuti semplicemente come Influencer.

 

Scopri i nostri servizi per startup

 

L’Influencer Marketing è una sorta di passaparola evoluto: ti è mai capitato di andare a mangiare in un ristorante e di gradire così tanto l’esperienza, sia per il cibo, sia per la pulizia e la cortesia, da raccontarlo ai tuoi amici? Bene! Sicuramente quel ristorante avrà acquisito nuovi clienti grazie a te e a zero spese. Con l’avvento dei Social Media e del Web Marketing le cose sono cambiate: invece di raccontare alla cerchia stretta degli amici la tua esperienza, oggi la puoi condividere online sul tuo profilo Facebook, in una delle tue stories su Instagram o con una recensione su Google e raggiungere così un numero decisamente maggiore di utenti.

Immagina il pubblico che può raggiungere un influencer con migliaia o milioni di follower!

 

Chi sono gli Influencer?

Al contrario di quanto si possa pensare, l’Influencer non è necessariamente un personaggio famoso. Anzi, il più delle volte si tratta di persone “comuni” che hanno saputo creare profili social, blog o canali YouTube popolari per una certa nicchia di utenti, poi trasformati in un grande numero di seguaci, agli occhi dei quali risultano credibili, competenti e autorevoli.

Da cosa si differenziano gli attori dell’Influencer Marketing dai “vecchi” testimonial delle pubblicità in TV? Proprio dal canale utilizzato e dal fatto che raggiungono con più precisione potenziali clienti in target.

 

cos'è un influencer

Free image from Pexels

 

La social influence di una personalità nota è strettamente collegata alla sua fan base, infatti è possibile stabilire una sorta di gerarchia basata sul numero di followers:

  • celebrities (sono gli influencer che superano il milione di follower)
  • macro influencer (> 500mila follower)
  • middle influencer (> 100mila follower)
  • micro influencer (< 100mila follower)
  • nano influencer (tra i 1000 e i 10mila follower)

 

L’influencer digitale instaura un rapporto quasi familiare con il suo pubblico, condividendo momenti di vita, gusti, opinioni, condizionando così le scelte di acquisto di chi si fida di lui. Ecco perché per un brand, azienda o startup, rientrare nei suoi messaggi e nei suoi contenuti attraverso l’Influencer Marketing significa ottenere una grande visibilità e consolidare la Brand Awareness.

 

Top Influencer italiani

Se è vero che chiunque può diventare un Influencer, è anche vero che non tutti riescono ad ottenere lo stesso successo. Questo perché, come detto in precedenza, l’Influencer Marketing non è un gioco o un passatempo ma un vero e proprio lavoro, fatto di ricerca, analisi e strategie ben precise.

Tutti conoscono Chiara Ferragni, fashion blogger e imprenditrice digitale: il suo profilo Instagram conta più di 20 milioni di follower ed è la prima in Italia come numero di fans, tanto da essere considerata in terra nostrana come una Top Influencer.

In questa particolare classifica, al terzo posto si piazza, con più di 10 milioni di followers, il cantante Fedez, marito di Chiara Ferragni: decisamente una famiglia che conosce bene le strategie dell’Influencer Marketing. Tra i due si insinua, al secondo posto, il DJ e star del web Gianluca Vacchi.

 

social marketing influencer italiani

Free image from Pixabay

 

Come funziona una strategia di Influencer Marketing (best practice)

Niente è lasciato al caso: dietro le quinte dell’Influencer Marketing ci sono investimenti mirati e tattiche ben studiate. Non è sufficiente infatti proporre ad un influencer una collaborazione, stabilire il compenso e sperare che vada tutto bene. Per essere più chiari, vediamo insieme alcune spunti pratici da seguire per capire come creare e come funziona una strategia di Influencer Marketing vincente. In sintesi:

  • individuare il giusto archetipo di influencer;
  • entrare in sinergia con il digital influencer;
  • analizzare e tracciare i risultati, monitorare sempre.

 

Ora analizziamo singolarmente questi passaggi, entrando maggiormente nei dettagli.

 

Come trovare il giusto influencer

Una volta definiti gli obiettivi della campagna di Influencer Marketing, il target di riferimento e il budget a disposizione, occorre identificare l’influencer.

Pensare di scegliere un influencer solo in base all’audience o al numero di follower, non è la strategia giusta: spesso è più indicato rivolgersi ai micro influencer che sappiano coinvolgere attivamente la fan-base, sono utenti comuni ma riescono a farsi ambasciatori del brand a volte meglio delle celebrities. E spesso sono ferrati nel settore in cui operano l’azienda o la startup che li ingaggia. Volendo inoltre ampliare il mercato, in certi casi è più conveniente scegliere un influencer che non sia affine al prodotto/servizio in questione, e che quindi non abbia un pubblico che sia già utilizzatore del bene sponsorizzato.

Affidandosi a degli esperti del settore, con un buon lavoro di Digital PR e servendosi di specifiche piattaforme virtuali è possibile individuare il match perfetto tra brand, influencer e audience target.

 

Partecipa al nostro acceleratore startup!

 

Creare una connessione con l’influencer

L’influencer ha già stabilito un certo tipo di relazione con i propri follower, si è creata una connessione forte e di fiducia, e lo stesso deve accadere tra il brand e l’influencer marketer prescelto. Snaturare la persona, la sua immagine, imponendo la strategia aziendale, può significare far perdere seguaci e fallire nell’intento. Onestà e credibilità sono fondamentali per non perdere followers. È necessario un ascolto molto attento da parte del brand per fare sì che l’obiettivo da raggiungere si sposi alla perfezione con l’immagine dell’influencer.

 

Come tracciare i risultati

Dicevamo che in una strategia di Influencer Marketing niente è lasciato al caso: è fondamentale misurare l’andamento di una campagna, fare un’attenta analisi dei KPI individuati ed eventualmente ottimizzare.

Di norma all’influencer viene fornito un codice o un link tracciabile, per calcolare concretamente i risultati ottenuti. Altre volte può essere un semplice post sponsorizzato. L’importante è tracciare le performance.

 

come tracciare le performance dell'influencer marketing

Free image from Unsplash

 

Stabilito l’investimento e l’obiettivo finale, è possibile monitorare le metriche principali e il ROI (return on investment), cioè il ritorno sull’investimento. Devono essere monitorate non solo le vendite ma anche i click e le impressions, cioè il numero di persone che hanno cliccato o visualizzato un post, un video o una foto, infine è necessario calcolare il conversion rate (tasso di conversione), cioè la percentuale di utenti unici che all’interno della campagna hanno eseguito un’azione specifica (compilazione di un modulo contatti, un acquisto, ecc). Ci sono diversi dati utili da prendere in considerazione e che vengono stabiliti come obiettivi in fase di impostazione del piano di Influencer Marketing.

 

Esempio di Influencer Marketing di successo

Vediamo insieme un esempio di Influencer Marketing significativo e tutto italiano.

Lo storico pastificio Voiello, creatore dell’omonima pasta, è stato ideatore di una strategia di Influencer Marketing da manuale. Il brand partenopeo, per i suoi obiettivi di business, ha scelto come Influencer lo chef stellato e di origini campane Antonino Cannavacciuolo. Analizziamo alcuni dettagli:

  • l’azienda “mette sul piatto” un prodotto culinario di origini italiane;
  • il testimonial è un personaggio molto amato dal pubblico in Italia, che con il prodotto sponsorizzato in questione ci sa sicuramente fare;
  • i followers di Cannavacciuolo hanno iniziato a conoscerlo grazie ad un programma di cucina in TV e per la sua competenza, autenticità e simpatia hanno continuato a seguirlo sui canali digital;
  • il pubblico dello chef-influencer è tendenzialmente amante della cucina, così come il target del brand Voiello.

 

Oltre a girare sulle principali reti televisive, lo spot è stato trasmesso sui canali social e YouTube sia di Antonino Cannavacciuolo che del Pastificio Voiello, ed è stato un successo! Quarda tu stesso.

 

 

Perché l’Influencer Marketing è importante per la tua startup

Siamo nell’era dei Social Media e le aziende hanno ben chiara la potenza di questi strumenti e della figura dell’influencer. Capiamo insieme perché l’Influencer Marketing è importante per una startup e quali sono i vantaggi rispetto all’advertising tradizionale. Vediamone alcuni:

  • la pubblicità tradizionale ha un carattere invasivo (push), al contrario l’Influencer Marketing gioca sul rapporto di credibilità e fiducia che si instaura tra l’influencer e i suoi follower, attirandoli verso sé (pull);
  • la comunicazione istituzionale di un brand è spesso più ingessata e classica rispetto ad un profilo personale dinamico e attuale che, stimolando il customer engagement, riesce così ad arrivare più facilmente ed in maniera naturale ad un pubblico più ampio e variegato;
  • l’Influencer Marketing è senza dubbio una delle tattiche meno costose e questo permette a brand, aziende e start-up di ottimizzare i costi.

 

Partecipa al nostro acceleratore startup!

 

Conclusione

Abbiamo visto cos’è, come funziona e perché è importante l’Influencer Marketing per incrementare i profitti di un’azienda. Ora che sai quanto possono essere importanti gli influencer per dare più visibilità alla tua startup e come possono indirizzare gli intenti d’acquisto dei tuoi potenziali clienti, prendi in considerazione una strategia di Influencer Marketing per far crescere il tuo business.

 

articolo by Luca Lampis

Startup

Mentors

Settimane

Demo Day

Get In Touch

 

Dove siamo: in Brianza (provincia di Monza) e a Londra. Ma facciamo tutto online.

Date: dal 21 Settembre 2020 al 30 Ottobre 2020

Telefono: +44 (0) 7483 132148

Email: info@its-campus.com

Orari: L-V | 9:00 - 18:00

 

200