• Readers Rating
  • Rated 5 stars
    5 / 5 (1 )
  • Your Rating


Startup viaggi

Il travel tech (il settore in cui rientrato le startup viaggi) è in costante crescita e con esso i finanziamenti. Nel 2017, a livello globale, le 200 Travel Tech censite hanno attratto investimenti per più di 5,3 miliardi di dollari (fonte CB Insights). In Italia gli acquisti di servizi turistici digitali hanno raggiunto nel 2018 i 14,2 miliardi di euro e rappresentano il 24% del mercato travel complessivo (fonte Politecnico di Milano).

I viaggiatori italiani effettuano sempre più le prenotazioni tramite un’agenzia viaggi online (online travel agenciesOTA) o portali di home sharing. Laddove non dovessero utilizzare un’agenzia online i viaggiatori frequentemente utilizzano tools digitali: app per creare itinerari di viaggio, app per organizzare viaggi o prenotazione treni.

Big data, intelligenza artificiale, chatbot e adesso tecnologie distibuted ledger (blockchain) vengono sempre più utilizzate al fine di assicurare all’utente un servizio personalizzato e la massima esperienza utente (UX). Passiamo ora in rassegna alcune tra le interessanti startup viaggi italiane ed europee.

 

startup viaggi

Free image from Pixabay

 

Startup viaggi italiane

Vediamo insieme una carrellata delle migliori travel startup italiane.

 

Musement

 

travel tech

Image from musement.com

 

È una startup viaggi che offre ai viaggiatori un’ampia scelta di viaggi in Europa e nel mondo ed esperienze con le quali vuole rendere indimenticabili i loro viaggi. L’offerta include ingressi a musei e attrazioni, eventi temporanei, tour guidati, esperienze esclusive e attività gratuite.

Fondata da quattro imprenditori milanesi nel 2013, Musement si è espansa su scala globale sino a comprendere 350 destinazioni in 50 paesi. Questa crescita è supportata da diverse venture capital europee, incluse 360 Capital Partners e P101.

 

Bagbnb

 

home sharing

Image from bagbnb.com

 

Questa travel tech è solitamente definita come la Airbnb dei bagagli. La ragione risiede nel fatto che offre un servizio, economico e distribuito su tutto il territorio italiano e in varie località estere, per il deposito bagagli. Un’ampia community di angels: bar, bistrot, caffetterie e noleggi custodisce ad un prezzo fisso di 5€ i tuoi bagagli per tutto il giorno, 7 giorni su 7.

Il sistema di prenotazione è semplice e sicuro, ed è possibile pagare online in tutta sicurezza con tutte le carte di credito, PostePay o PayPal. Appena la prenotazione è completata si riceve una mail con il riepilogo completo inclusi i dettagli per arrivare al deposito.

 

ViaHero

 

start up viaggi

Image from viahero.com

 

Questa travel startup è un’app ridefinisce il concetto di guida turistica.

L’app infatti vi mette in contatto con un esperto di viaggi locale (denominato “eroe”) il quale utilizza il suo bagaglio di conoscenze ed informazioni locali per consigliare e assistere nel migliore dei modi i viaggiatori.

L’eroe aiuta il viaggiatore a pianificare il viaggio durante tutte le sue fasi: dà consigli su dove mangiare, alloggiare, suggerisce locali e lo aiuta a scoprire delle gemme che altrimenti non scoprirebbe.

 

DayBreakHotel

 

Startup viaggi italiane

Image from daybreakhotels.com

 

Questa startup viaggi è stata la prima a lanciare anche in Italia l’idea di offrire strutture e servizi di alto livello che vanno dalla Spa alla sala riunioni.

Su modello della spagnola By Hours o della statunitense Book a Day Room, per 3,6 o 12 ore l’utente può usufruire di camere (ma non di altri servizi) presso strutture fiere di lusso le quali semplicemente sono rimaste vuote o invendute.

La prenotazione può essere fatta da desktop o tramite app iOS e Android e può riguardare varie strutture affiliate di pregio presenti inoltre 450 comuni italiani.

 

PinkTrotters

 

travel startup italiane

Image from pinktrotters.com

 

Pink (donne) e Trotters (globetrotters) è una startup viaggi al femminile nata dall’idea di Eliana Salvi, alla quale si è poi unita gruppo di donne brillanti, appassionate e curiose.

Mission della startup è quella di unire donne cosmopolite tramite esperienze di viaggi e eventi che non dimenticheranno mai e di creare dei legami che vanno oltre i momenti che vengono condivisi insieme.

Il network si rivolge a donne amanti dei viaggi e dell’avventura che vogliono conoscere sempre persone nuove e trovare una via di fuga dalla quotidianità.

 

Sailsquare

 

traveltech

Image from sailsquare.com

 

Sailsquare è una travel startup sul cui marketplace gli skipper privati possono pubblicare le loro proposte di vacanze in barca a vela della durata di un weekend, una settimana o più.

La startup si occupa di organizzare al meglio la vacanza in barca a vela che può essere condivisa da gruppi di persone non organizzati. I futuri partecipanti, tramite messaggistica, possono comunicare con gli skipper e tra di loro prima di incontrasi per la partenza.

La startup ligure, fondata nel 2013 da Riccardo Boatti e Simone Marini, nel 2017 ha raccolto 2,3 milioni di euro da investitori italiani.

 

Travel Appeal

 

startup travel

Image from travelappeal.com

 

È una startup turismo fondata nel 2014 da Mirko Lalli, il quale ha ideato un sistema index che, avvalendosi di analisi semantica, intelligenza artificiale e data science, scandaglia circa 1 milione tra ristoranti, negozi e musei, raccogliendo informazioni che trasforma poi in soluzioni che possono essere utilizzate dai professionisti del travel.

La startup, che ha due sedi in Italia (Firenze e Treviso) e due estere (Amsterdam e Londra), ha 4 milioni di clienti in tutta Italia e punta a superare i 25 milioni di euro di fatturato a partire dal 2021.

Supportata da H-Farm, nel 2018 ha lanciato un round di serie A che è stato sottoscritto dal fondo Indaco Ventures I (lanciato lo scorso maggio da Fondazione Cariplo, Fondo Italiano d’Investimento e Intesa Sanpaolo), con l’obiettivo di raccogliere capitali per oltre 200 milioni di euro, di cui 133 milioni già sottoscritti, e da Airbridge Equity Partners.

 

Startup viaggi europee

Vediamo insieme una carrellata delle migliori travel startup europee.

 

Flio

 

startup turismo

Image from flio.com

 

La travel startup Flio, fondata nel 2014 da un imprenditore seriale berlinese, Stephan Uhrenbacker, è una app gratuita che si pone come obiettivo finale quello di semplificare e migliorare l’esperienza aeroportuale dei passeggeri.

Grazie e Flio il viaggiatore, appena entra in aeroporto, è in grado di visualizzare in tempo reale informazioni sui voli, ricevere consigli, essere connesso al Wi-Fi, vedere la mappa di ciascun aeroporto ed altri servizi ancora. Flio genera anche delle entrate commerciali per gli aeroporti in quanto offre sconti su cibi e bevande, negozi duty-free.

La startup è cresciuta grazie ad un round al quale ha partecipato anche il fondatore di Lastminute Brent Hoberman.

 

TravelPerk

 

start up turismo

Image from travelperk.com

 

Fondata da Ron Levin e Avi Meir, e lanciata nel 2015 a Barcellona, questa startup viaggi permette ad individui o società di prenotare e gestire dei viaggi di lavoro. Tra le sue principali features vi è un tool che centralizza le fatture consentendo alle società di risparmiare tempo e denaro.

Questa startup travel è crescita rapidamente ottenendo 30 milioni di dollari di finanziamenti. Nel maggio del 2017 ha vinto ad Amsterdam la competizione Scale Startup al TNW Conference.

 

Comtravo

 

start up travel

Image from comtravo.com

 

Comtravo è una piattaforma che utilizza intelligenza artificiale e natural language processing che le permettono di offrire un veloce servizio di prenotazioni viaggi, gestione e pagamento da un’unica fonte: via email, sms, skype o attraverso la piattaforma stessa.

Questa startup viaggi offre delle tariffe esclusive che, abbinate ad un efficiente processo di prenotazione, consentono al cliente di ottenere le migliori tariffe ed un notevole risparmio. La piattaforma permette, grazie a features come le ipotesi di costo, fatture collettive e alla panoramica sulle spese, di avere sempre sottocchio le proprie finanze.

Comtravo ha ottenuto 8,5 milioni di euro in finanziamenti da Howzat Partners, Monkfish Equity, Creandum e Project A.

 

CorreYvuela

E una startup viaggi che a detta dei suoi fondatori mira a cambiare le regole dei chatbot.

La mission di questa startup è quella creare un database utente e una community che utilizzi il loro chatbot, che nelle attese dei fondatori rivoluzionerà il settore dei motori di ricerca di voli. CorreYvuela offre le migliori opzioni di volo in modo rapido e conveniente, tramite l’utilizzo di una app di messaggistica istantanea come WhatsApp, Facebook Messenger, Telegram o SMS.

 

Conclusione

Speriamo che questo articolo ti abbia dato tutte le informazioni che cercavi sull’argomento delle startup viaggi. Per qualsiasi dubbio o domanda, o se vuoi che realizziamo un articolo su uno specifico argomento non esitare a commentare l’articolo!

 

articolo by it’s campus team

200